Donne chirurgo penalizzate, il 35% abbandona l’attività

Chrurgia donne

Sono chirurghe a tutti gli effetti, con titoli e relative specializzazioni, ma spesso vengono relegate ad attività ambulatoriali o di reparto. Coloro che arrivano in sala operatoria non sempre svolgono il ruolo di primo chirurgo, in alcuni casi lo sono solo per semplici interventi.

È questo il quadro che emerge dallo studio promosso da Women in Surgery Italia e pubblicato sulla rivista Updates in Surgery. Sono state coinvolte nella ricerca 1800 chirurghe, tra specializzande e professioniste, con tanto di formazione all’estero e qualifiche post-specializzazione. In effetti, una platea molto preparata e che non ha nulla da invidiare ai colleghi maschi.

Purtroppo, nonostante il target così elevato di formazione, il 35% abbandona l’attività chirurgica dedicandosi alle prestazioni ambulatoriali. È emerso, dallo studio, un fenomeno di sotto-utilizzo in sala operatoria di queste professioniste. Il 50% delle chirurghe si occupa di attività diverse, anche se la volontà principale è quella di lavorare in sala operatoria.

Inoltre, non mancano le condotte discriminatorie. Il 61% afferma di essere trattata in “modo diverso” a causa del genere. Invece, il 47%, ritiene di avere “meno possibilità di essere promosso”. Le chirurghe che lavorano negli ospedali italiani intervengono come primo operatore nell’8,4% dei casi ad alta complessità e nel 17% in quelli a bassa complessità.

La situazione resta, in linea generale, di netto svantaggio per le professioniste della chirurgia che lamentano anche meno ore di tutoraggio rispetto ai colleghi uomini.

gc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!