Stabilizzazione dei precari in sanità, un patrimonio da non perdere

È una questione, quella della stabilizzazione dei precari in sanità, sollevata più volte e sottoposta al governo, in particolare al ministro della Sanità, Roberto Speranza.

Si tratta di oltre 66 mila precari, tra medici, infermieri e personale tecnico, assoldati per il periodo dell’emergenza covid e che costituiscono un capitale di risorse umane da non perdere.

Un vero e proprio patrimonio, secondo la Fiaso, Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere, da impegnare a tempo indeterminato presso strutture sanitarie pubbliche. Due le proposte avanzate.

La stabilizzazione  per chi ha maturato 12 mesi entro il 2022, oppure, 36 mesi entro il 2024.

I sindacati auspicano una soluzione definitiva che, consenta ai medici e agli infermieri della pandemia, di essere confermati, soprattutto per il lavoro svolto e l’impegno profuso a 360 gradi e 24 ore su 24, con turnazioni impossibili allo stremo delle forze.

Valori che non possono essere relegati al solo momento pandemico, ma che vanno recuperati e inseriti nella pianta organica della sanità.

Ovviamente, solo il governo potrà porre in essere la stabilizzazione a tempo indeterminato e rispetto alla quale, si trova sostanzialmente d’accordo il mondo sanitario nazionale.

Dunque, passi concreti per salvare un “capitale umano” che ha dimostrato di essere all’altezza della situazione.

Giuseppe Colamonaco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!